Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2017

9 anni lontano da casa

Immagine
Ci siamo, se la memoria non mi inganna oggi fanno 9 anni da quando sono venuto a vivere in California. Inizialmente con un visto da studente per conseguire un Master of Business Administration alla UC Berkeley, nel frattempo mi sono naturalizzato cittadino statunitense.

Partito con due valigie di cartone, adesso vivo in una casa posseduta da una banca che finiro' di pagare tra decenni -- ma almeno l'arredamento e gli elettrodomestici sono miei!

9 anni fa viaggiavo da solo, adesso sono sposato, ho un giovanotto che va per i 4 anni e una bambina in arrivo.

Da qualche anno non vado in Italia quanto vorrei. La logistica e' stata complicata dai lavori in casa, il bambino piccolo, adesso la bambina in arrivo. Spero che prima o poi ricominceremo a viaggiare su lunghe tratte tutti insieme. Vorrei rimanere in contatto con i familiari e gli amici piu' stretti. Vorrei che i bambini sviluppassero un'identita' italiana genuina.

Nel frattempo pero' ieri era giorno di cel…

Staycation di Luglio

Come avevo raccontato a fine maggio, anche oggi scrivo per sottolineare l'inizio di una vacanza.

L'altra volta ho preso una pausa di due settimane e abbiamo viaggiato tantissimo, anche se siamo rimasti negli Stati Uniti, per lo più ospiti di familiari e amici.

Questa volta starò a casa per una settimana e viaggeremo pochissimo. Ma l'agenda è comunque ricca di appuntamenti.

Vogliamo portare Alessio al mare a Santa Cruz un paio di volte (in assenza di traffico, Santa Cruz e a mezz'ora da casa.) Se ce la facciamo, vorrei andare allo zoo di San Francisco.

Poi il gruppo delle mamme amiche di Jenny hanno organizzato un giro al Vasona Park di Los Gatos, dove c'è la Billy Jones Wildcat Railroad, un trenino a vapore che fa il giro del parco.

Giovedì aiuteremo Jenny ad andare ad un'estate sale a Saratoga. Questo evento merita un post tutto suo.

Oltre alle attività di intrattenimento, ci sono alcune cose che voglio fare per i fatti miei.

Per esempio, questa settimana dovr…

Manchester vs. Real Madrid praticamente dietro casa

Immagine
Come quasi ogni Domenica mattina, Alessio mi ha portato uno dei suoi peluche mentre stavo ancora dormendo e si è infilato nel nostro letto per qualche minuto. Quando ci siamo alzati, mi ha aiutato a fare i pancake al cioccolato. Poco dopo colazione, siamo andati tutti insieme al mercato di Mountain View, che si tiene nel parcheggio della stazione dei treni.

Mentre Jenny faceva le commissioni, io e Alessio abbiamo preso la VTA, il treno della metropolitana leggera che collega le città della zona.

Ho notato parecchi più passeggeri del solito per essere una Domenica mattina estiva. Molti indossavano magliette del Manchester United o del Real Madrid. Qui gatta ci cova, ho pensato. Ovviamente ho cercato su google e scoperto che oggi pomeriggio le due squadre si sfidano in una gara valida per il torneo di coppa internazionale.

Dopodiché, l'avvenimento più interessante per Alessio è stato realizzare che le rotaie vibrano e fanno rumore prima che arrivi il treno e non ci siamo preoccupati…

Sunnyvale cambia logo

Immagine
Mi ritrovo sempre più spesso a parlare della cittadina in cui vivo. E siccome stiamo parlando dei tranquilli sobborghi della Silicon Valley, è inevitabile che i temi siano spesso privi di tensione drammatica.

Per esempio, ho scoperto stamattina che Sunnyvale cambierà logo il 17 Luglio in occasione del lancio del nuovo sito internet. Ecco l'annuncio su Twitter.
Fremont High students picked this City logo in '54. The cone-shaped logo replaced it in '71. After 46 yrs we're updating again on 7/17. #TBTpic.twitter.com/a1qzlpDAWX — City of Sunnyvale (@CityofSunnyvale) July 13, 2017
Si passa dal cono gelato di cui avevo scritto nel settembre 2015 ai simboli di una signora con cornucopia (ovvero agricultura), una fabbrica (ovvero industria), un pianeta con qualcosa in orbita che sovrasta gli Stati Uniti (ovvero industria aerospaziale, difesa)

Non mi è chiaro cosa sia lo sfondo. La luce di un'alba? Dopo tutto siamo a "valle soleggiata"...

L'agricultura ci st…

Mastro fochista

Sabato sera avevamo ospiti a cena e ho di nuovo grigliato. Mi piace proprio grigliare: abbastanza semplice una volta capite alcune regole di base, non si fa confusione in casa, risultati sfiziosi e saporiti.

Per dire, ieri sera ho cominciato con due cipolle al cartoccio su fuoco medio e fette di pancetta. Poi sottocosce di pollo che avevo fatto marinare per un paio di ore in una soluzione di acqua, sale, zucchero, e scorza di limone. A metà cottura del pollo, ho aggiunto al fuoco 6 hamburger fatti a mano partendo da un trito che solo in California: dalla confezione si sapeva la dieta e cartella clinica completa, mancava solo il nome e la data di nascita del vitello.

Quando ho tolto il pollo dal fuoco, ho creato una zona "fredda" dove ho fatto dei "grilled cheese sandwiches" per i bambini. Ovvero ho tagliato a metà delle pagnotte di pane dolce, le ho messe sulla griglia e ho lasciato sciogliere del formaggio sul pane.

In casa, Jenny preparava un'insalata di fagi…

Resoconto del weekend a Phoenix per il 4 Luglio

Immagine
Viene fuori che la casa dove abbiamo passato il weekend del 4 Luglio era una dimora signorile, con piscina, due tavoli da biliardo (uno all'aperto e uno in tavernetta), tavolo da ping pong, cinema privato con 8 poltrone, 7 camere da letto e giochi di societa' in scala da giganti. Tipo, il Forza 4 alto un metro e mezzo.
Siccome c'era un certo livello di disorganizzazione nel gruppo, ho preso alcune decisioni  all'inizio per evitare un'implosione del microcosmo. Tipo che sono andato con un altro dei papa' a fare la spesa da Costco e abbiamo comprato abbastanza fondamentali da nutrire le truppe per tutto il weekend. Curiosamente, ulteriori giri al supermercato per comprare avocado e alcolici sono finiti per costare tanto quanto la spesa da Costco che ha sfamato grandi e piccini.
In giardino c'erano 2 grill con 4 bruciatori ciascuno, e quindi ne ho approfittato per cucinare hamburger e petti di pollo per tutti. Una sera dopo cena mi sono anche dilettato a fare…

Il mio primo 4 Luglio

Come si dice qui, "this is not my first rodeo". Letteralmente "non è il mio primo rodeo" Figurativamente, "non è la mia prima volta, ho già visto tante battaglie"

Sono arrivato negli Stati Uniti il 29 Luglio 2008 quindi, in senso stretto, questa sarà la mia nona Festa dell'Indipendenza. Ma in questo mondo di muri e divisioni, questo è il mio primo 4 Luglio come cittadino naturalizzato Americano.

Non cambia molto, non sento emozioni particolarmente forti. Ho doppio passaporto, quindi la mia identità culturale non si sente minacciata. Al tempo stesso, mi sento appagato dal potermi identificare con un marcato senso di appartenenza all'angolo del mondo in cui ho scelto di vivere, sviluppare la mia professione, comprare casa, e mettere su famiglia.

Buona festa del 4 Luglio per chi la festeggia!