Quadro astratto

In una vita costellata di riti di passaggio, un piccolo gesto può assumere un significato più profondo di come potrebbe sembrare a prima vista.

Per esempio, durante la mattina di un Sabato casalingo qualunque, abbiamo appeso 3 quadri in casa. I primi da quando abbiamo traslocato a Sunnyvale quasi 6 mesi fa.

Settimana dopo settimana la casa sta diventando sempre più vissuta.

È arrivato il sistema di scaffali Vitsoe che abbiamo installato lungo l'unico muro del soggiorno.

Abbiamo comprato un divano letto da Room & Board che è abbastanza comodo da volerci dormire per davvero.

Abbiamo piazzato la vecchia televisione di Jenny in camera degli ospiti. Quando vivevamo a Mountain View non c'era posto per la TV che quindi era rimasta imballata in garage per un anno.

La San Francisco Bay Area ci offre molte opportunità di fare shopping a buon prezzo in una maniera che soddisfa sia la nostra frugalità che il nostro interesse per gli oggetti di design.

Per esempio, a parte per la libreria del soggiorno e il divano letto che sono nuovi, tutti gli altri pezzi di arredamento e giochi per Alessio che ci siamo procurati in questi mesi sono di seconda mano, venduti in "garage sales", "rummage sales", ed "estate sales". Rispettivamente: famiglie, chiese, e curatori di un'eredità che vendono cose che non servono più, che sono state donate, o che vanno dismesse siccome il proprietario è mancato. Una specie di economia parallela che non ricordo esista in Italia, dove al massimo si prova a vendere su eBay.

Per dire, abbiamo una casetta e uno scivolo che Alessio adora ci sono entrati a gratis. Abbiamo comprato un tavolo Nilo per attività per bambini ad una frazione del prezzo da nuovo. La poltrona originale anni '50, che fa molto stile nell'angolo del soggiorno, ci è costata pochi dollari (anche se poi abbiamo speso per rifoderarla e rifarne l'imbottitura.)

Qualche mese fa abbiamo comprato per 100 dollari 3 armadi originali di una casa di Eichler in ristrutturazione. In questo momento, Jenny è sul vialetto davanti a casa che restaura l'armadio più grande: una pulizia approfondita, una mano di vernice, e piedini e scaffali nuovi e l'armadio conserverà lo stile "mid-century modern" ma sarà come nuovo. Probabilmente sul mercato varrebbe più di 10 volte di quanto l'abbiamo pagato, ma lo terremo per arredare la camera degli ospiti.

Tornando ai quadri, oggi abbiamo appeso:

  • Una stampa che elenca le città in cui abbiamo vissuto dalla nostra nascita. Un bel regalo di compleanno che Jenny mi aveva fatto i primi anni che vivevamo a San Francisco. 
  • Un quadro astratto originale del 1979 di un artista di cui non sappiamo molto. È il quadro nella foto di questo post. Anche questo ce lo siamo portati dietro da San Francisco.
  • Nella cameretta di Alessio, una litografia incorniciata del "Red Caboose" di Paul Detlefsen. Roba anni '60.
E la casa ha già tutto un'altro aspetto.

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci

Il lato positivo e il lato preoccupante