D-2 -- the settler

Ci siamo, tra due giorni avremo traslocato nella casa nuova a Sunnyvale.

Nuova si fa per dire, perche' e' stata costruita nel '59. Ma l'abbiamo appena rinnovata, riposizionato la cucina, sostituito i vetri originali con vetri doppi temperati, spessi quasi 3 cm, rimosso dal pavimento delle colle composte con amianto (nessuno si era mai preso la briga di bonificare i materiali stesi sulle fondamenta), riparato il sistema di riscaldamento nel pavimento, sostituito i muri interni in pannelli di legno (infiammabili e mediocri isolanti acustici) con il miglior cartongesso sul mercato per migliorare l'isolamento acustico e termico e per rallentare un incendio (se mai dovesse succedere). Abbiamo anche sostituito la caldaia, rifatto l'impianto elettrico, modificato alcune finestre e porte per rispettare i regolamenti in termini di resistenza al fuoco e facilita' di fuga.

Insomma, dopo tre mesi di lavori, gli interni sono tutti nuovi e non vediamo l'ora di entrare. La parte che trovo ironicamente simbolica, e' che traslochiamo nella nostra prima casa di proprieta proprio durante la settimana della festa del Ringraziamento (Thanksgiving). Neanche a farlo apposta, ci sistemiamo proprio quando gli Stati Uniti si fermano per commemorare il primo raccolto dei coloni (i primi "settlers") che sono approdati sulle coste del Massacchustes e hanno fondato il Paese. Un parallelo con il sottoscritto, immigrato che mette radici nella nuova terra.


Posta un commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci