Solidarietà, amore, accettazione per i migranti

Nel mezzo di una giornata qualunque, ho aperto ilpost.it per scorrere rapidamente le notizie e farmi un'idea di cosa succede nel mondo.

L'occhio mi è caduto sull'articolo del bambino Siriano morto in Turchia. Ci sono foto terribili che, chiariscono nel sottotitolo dell'articolo, ilpost.it ha deciso di non pubblicare. Raccontano la storia di un naufragio di profughi Siriani avvenuto in Turchia. Alcuni naufraghi sono morti e pubblicano la foto di un poliziotto che porta via dalla spiaggia il corpo di un bambino. La foto non è raccapricciante come quelle che circolano su internet e che ho scelto di non guardare, ma è stata sufficiente a farmi salire le lacrime agli occhi.

Ci troviamo davanti ad un'emergenza umanitaria pazzesca. Mi si stringe il cuore a pensare a quanta disperazione stanno affrontando in decine di migliaia. Mi vergogno di essere Europeo quando penso ad imbecilli come Salvini o il primo ministro ungherese che sfruttano vili idee populiste per trarre vantaggio politico.

Non che gli Stati Uniti siano messi meglio quando il cavallo di battaglia di Trump alle primarie dei Conservatori è la proposta di costruire un muro con il Messico. Quanto meno, la maggior parte del dibattito degli altri candidati è su come assicurarsi che gli immigrati siano legalizzati ed abbiano documenti.

Vorrei essere un po' tedesco quando leggo che la Merkel ha annunciato l'intenzione della Germania di accogliere tutti i migranti Siriani che faranno richiesta mentre le altre nazioni Europee tentennano. La maggior parte delle persone che la Germania accoglierà stanno scappando ad guerra, fame, atrocità, estremismi. Stanno lasciando tutto indietro e cercanno salvezza e sicurezza. Credo che in 10 anni quei profughi saranno il motore di crescita di un'economia tedesca che sembrerà inarrestabile mentre i meschini che hanno chiuso le porte staranno annaspando invecchiati ed impoveriti.

Quel bambino avrà avuto l'età di mio figlio o poco più. Ci sarà pur qualcosa che posso fare anche da qui.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci

Il lato positivo e il lato preoccupante