Donazioni e un video da parte di qualcuno le cui donazioni cambieranno il mondo

La settimana scorsa, come il resto della comunità mondiale, ero rimasto molto toccato dalle notizie drammatiche provenienti dall'Europa e dalla difficile situazione dei rifugiati in Medio Oriente. Ho annunciato l'intenzione di cambiare il mio piano di donazioni in beneficenza per quest'anno, inizialmente pensando che avremmo donato ad organizzazioni in Germania. Poi ho condiviso più dettagli quando mi sono chiarito le idee, decidendo di focalizzarmi su organizzazioni che aiutano i rifugiati durante il loro viaggio o dove ci sono conflitti.

Ieri ho completato le nostre donazioni 2015, destinando un contributo a tre organizzazioni internazionali:

  • UNHCR: il commissarriato per i rifugiati delle Nazioni Unite
  • International Rescue Committe. Non profit non governativa focalizzata nell'aiutare popolazioni in difficoltà. Il 92% dei fondi vengono destinati ai programmi di aiuto, il resto in amministrazione e funding.
  • Medici senza Frontiere. L'80% dei fondi destinato ai programmi di aiuto, un pizzico meno efficiente di IRC ma la missione è encomiabile. Questi sono dottori che erano in Africa come volontari durante Ebola. Sono i dottori che operano i feriti dei bombardamenti o assistono i rifugiati nei campi profughi.

Ho fatto le mie donazioni in modo che la mia azienda faccia una "matching contribution", ovvero faranno una donazione di uguale entità alle stesse organizzazioni.

Ok, donazioni fatte. Coscienza a posto? Hardly so. Con un bambino da crescere e una famiglia per cui provvedere, è più facile autoassolversi e restare a godersi l'eterna alternanza di due stagioni della Silicon Valley (primavera da Ottobre a Luglio ed estate da Luglio a Settembre). Ma la domanda resta: come posso condurre una vita piena ma dedicarne un pezzo a chi ha avuto meno fortuna?

C'è una persona in particolare che mi viene in mente come qualcuno che ha avuto una vita molto piena e di successo e i cui contributi alla comunità medica e scientifica aiuteranno a cambiare il mondo.

Con la Bill & Melinda Gates Foundation, i coniugi Gates finanziano incredibili progetti per risolvere alcune delle più terribili piaghe per l'umanità.

In un post sul suo blog, Bill racconta brevemente di come i cambiamenti climatici possono mettere in ginocchio gli agricoltori in Africa che non hanno accesso a tecnologie avanzate: semi che resistono alla siccità, semi che resistono agli allagamenti, fertilizzanti, tecniche di semina e raccolta.

Nel post, oltre a spiegare i rischi, si parla anche di progresso e di storie positive ed incoraggianti. Nel video, che rilancio nel mio post, si racconta la storia di una contadina in Africa che, grazie all'aiuto dell'organizzazione no-profit One Acre Fund, è riuscita a triplicare il suo raccolto nonostante una siccità che l'avrebbe altrimenti messa in difficoltà. Grazie alla produzione, adesso riesce a sfamare la famiglia, cosa che non era ovvia in passato, e si è comprata una mucca e delle galline con i ricavati dalla vendita del raccolto.

1 minuto e 44 secondi. In Inglese con sottotitoli in Inglese ma facile da seguire, soprattutto quando comincia la storia della contadina al secondo 35.



Posta un commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci