Vorrei aver risparmiato di più

Non bastasse essere andati ampiamente oltre il budget che ci eravamo dati per comprare casa, adesso siamo impantanati con il dover fare dei lavori prima di traslocare.

Faccenda non semplice perché in questa zona con case di legno costruite negli anni '50 e '60, fare dei lavori è come giocare a domino. Se tocchi una cosa, poi sei costretto a ristrutturare la casa intera. Con l'economia locale in crescita selvaggia e il fatto che tutti fanno lavori in estate, trovare un costruttore serio e professionale è difficile e i costi non fanno altro che lievitare.

La situazione è grigia e un'espressione che si sente mormorare per casa è "vorrei aver risparmiato di più".

Il che mi porta a scrivere di uno dei miei temi preferiti: il comportamento dei piccoli investitori. Perché non abbiamo risparmiato di più nel corso degli anni?

La faccio breve con quattro motivi strettamente correlati.

Prima di tutto, per la maggior parte delle persone è cognitivamente difficile pensare a se stessi nel futuro. Uno studio ha illustrato come si attivino le aree del cervello associate agli estranei quando pensiamo a noi stessi da vecchi. E come di conseguenza siamo meno generosi che se stessimo pensando a noi stessi. Un effetto semplice e letale per la capacità di molti di risparmiare per il futuro.

Come seconda ragione, vorrei citare il bisogno che considero quasi patologico di avere "instant gratification." Ovvero, se vediamo qualcosa che ci piace, lo vogliamo. Subito.

È un istinto che sono certo sia stato spiegato in mille modi diversi. La sostanza è che il mondo dello shopping, soprattutto quello online, è architettato in maniera raffinata e subdola per indurci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno ma che ci piacciono e che di conseguenza vogliamo avere nell'immediato. Peccato che l'impennata di felicità scatenato dal concederci l'oggetto del desiderio sfumi e quello che resta è un portafoglio vuoto.

Come terza ragione, vorrei citare un'altra mancanza delle nostre capacità intellettive: i nostri cervelli pensano in maniera lineare, fatichiamo a riconoscere i fenomeni esponenziali per quello che sono: incredibilmente potenti. Capire in maniera profonda ed intima la forza di un fenomeno esponenziale potrebbe aiutarci in molti modi.

Mi viene in mente Einstein, a cui è attribuita questa frase:

"L'interesse composto è l'ottava meraviglia del mondo. Chi lo capisce, lo guadagna... chi non lo capisce, lo paga"
Mettere da parte ed investire cifre anche piccole ma per un lungo periodo di tempo fa crescere le cifre su di una curva esponenziale. Con il tempo chiunque potrebbe essere ricco se solo non ci auto azzoppassimo spendendo lungo la via.

Per ultimo, vorrei citare l'impossibilità di centrare un obiettivo di lungo termine senza avere un piano o, ancora peggio, senza avere l'obiettivo finché è troppo tardi.

E cito la profonda conversazione tra Alice e lo Stregatto:
Alice: "Volevo chiederle che strada devo prendere"
Stregatto: "Beh, tutto dipende da dove vuoi andare"
Alice: "Oh, veramente importa poco"
Stregatto: "Beh, allora importa poco che strada prendi"

Per concludere, la vita nella savana, dove un leone aqquattato nelle sterpaglie o un graffio che faceva infezione potevano toglierci dalla circolazione nell'arco di pochi minuti o di pochi giorni, ci ha programmati per concederci tutto quello che possiamo nel presente ed ignorare le azioni semplici ma necessarie per coprire i bisogni futuri.

Ma nel mondo di oggi, in cui la maggior parte delle persone vivono molto a lungo e non siamo costantemente minacciati da morte certa per ogni distrazione, diventa importante saper pianificare per il lungo termine, sapersi proiettare decenni nel futuro e capire di cosa avremo bisogno allora, saper fare piccoli sacrifici nell'immediato per mantenere la crescita dei nostri risparmi su di una traiettoria esponenziale invece che lineare.

Per qualche tempo certe scelte sembreranno stupide o eccessive (o eccessivamente stupide) a quasi tutte le persone che ci circondano. Fino a quando, più avanti, aver saputo risparmiare sarà considerato geniale e alcuni si chiederanno se hai barato visto che loro non ci sono riusciti.


Posta un commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci