Due obiettivi

Ho due obiettivi di carriera un po' insoliti a cui penso da qualche anno.

Il primo è che ad un certo punto mi piacerebbe dirigere un turnaround o una ristrutturazione aziendale difficile dal punto di vista finanziario e operativo. Non sono vicino all'obiettivo ma chissà magari un giorno mi capiterà l'occasione.

Il secondo è operare con il goal di medio termine di eliminare la mia stessa posizione in qualche transizione organizzativa. Ovvero traghettare il proprio team (o i propri teams a seconda dello scope) attraverso una ristrutturazione in cui i team vengono riassegnati ad altre organizzazioni e la mia posizione formalmente viene eliminata. Con l'idea che il tutto sia stato pianificato e voluto dai superiori, l'ipotesi fondamentale è che l'essere il Caronte di tale transizione significherebbe che ci sarebbero altre cose interessanti da fare. Ovvero eliminare la propria posizione non significa rimanere senza lavoro e anzi, potrebbe essere un'opportunità di carriera. Questo obiettivo sembra più a portata ma fa anche più paura.

Niente, ragionamenti un po' insulsi che si fanno un tranquillo venerdì sera senza molto da fare.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci