Post

Visualizzazione dei post da 2015

Mercati privi di direzione

Segnalo un bell'articolo che Ben Carlson ha pubblicato sul suo blog "A wealth of common sense", raccontando chi ci guadagna e chi ci perde in un anno come il 2015 in cui l'S&P500 è stato sostanzialmente piatto.

I suoi commenti mi ricordano una volta di più quanto i media del mondo della finanza e la forza vendite delle banche siano delle costose distrazioni per gli investitori. Conviene focalizzarsi sul rispettare un piano che sia ben allineato con i propri obiettivi di lungo termine e assicurarsi di massimizzare la diversificazione e minimizzare le commissioni del proprio portafoglio.

Breve vacanza di Natale

Immagine
Ieri siamo rientrati da una settimana di vacanza fuori porta. Siamo partiti Lunedì scorso alla volta di Palm Springs, città di villeggiatura nei deserti a Est di Los Angeles. Ci siamo andati in auto, spezzando il viaggio di circa 800km in due parti sia all'andata che al ritorno.

All'andata ci siamo fermati una notte sulla costa a Santa Barbara. Con partenza alle 4 del mattino, ci siamo fermati a fare colazione ad un piccolo ristorante danese a Buellton, che si trova vicino a Solvang (una cittadina di tradizione danese, ormai diventata attrazione turistica), e siamo arrivati in tempo per visitare il piccolo zoo di Santa Barbara per la gioia di Alessio.

A Palm Springs abbiamo passato il Natale con la famiglia di Jenny. Io, Alessio, e zio Ross siamo andati al museo dell'aviazione. Io, Jenny e Ross siamo andati a vedere Star Wars: The Force Awakens. Grazie alla cucina ben fornita del residence in cui eravamo, io e Jenny abbiamo cucinato uova e pancetta per colazione, sfornato …

Canzone dell'autunno

Immagine
A Settembre, ascoltando Radio Deejay su internet, mi sono accorto di Ocean Drive dei Duke Dumont. Un po' malinconica, un po' maledetta, e un po' misteriosa.
Per qualche bizzarro motivo, mi fa venire malinconia di estati al mare, feste sulla spiaggia, tempo da perdere -- ovvero le cose a cui uno pensa a Settembre e Ottobre mentre i ricordi dell'estate sfumano nei giorni sempre più freddi, bui, e piovosi.
L'autunno 2015 è quasi finito, volevo catturare questo piccolo ricordo prima che questa canzone si smarrisca nell'oblio di questo mondo che cambia in fretta.



Ho copiato le lyrics dal sito di Google Play per ricordarmele:

We're riding down the boulevard
We're riding into the dark night, night
With half the tank and empty heart
Pretending we're in love, when it's never enough
As the silence filled the lonely air
Oh, they can hear now now now baby
We see a storm is closing in,
Pretending we're escaping


Don't say a word while we danced with the devil
Y…

Resoconto del trasloco

Immagine
Lunedì abbiamo vissuto quello che nella mia memoria è stato il trasloco più semplice e facile di sempre.

Naturalmente, le cose facili non succedono praticamente mai per caso. Credo che sia un mantra di Linus, che conduce Deejay Chiama Italia ogni mattina come se fosse una passeggiata sul velluto mentre credo che sia più una camminata sulle acque.

Senza dubbio, c'erano tutte le premesse per un'esperienza positiva: la casa nuova era a 15 minuti dalla casa vecchia, quindi è stato facile fare la spola per fare pulizie approfondite e trasportare da soli le cose fragili. Il trasloco era anche stato pianificato una decina di giorni dopo la fine prevista dei lavori di ristrutturazione. Così facendo, abbiamo avuto un po' di margine per lavori dell'ultimo minuto.

L'azienda di traslochi ha mandato un team di 6 persone, di cui 4 colossi tongani. Le scatole del trasloco in mano a loro sembravano piccole e sorprendentemente leggere. Si sono dati da fare tutta la mattina ed entr…

D-2 -- the settler

Immagine
Ci siamo, tra due giorni avremo traslocato nella casa nuova a Sunnyvale.
Nuova si fa per dire, perche' e' stata costruita nel '59. Ma l'abbiamo appena rinnovata, riposizionato la cucina, sostituito i vetri originali con vetri doppi temperati, spessi quasi 3 cm, rimosso dal pavimento delle colle composte con amianto (nessuno si era mai preso la briga di bonificare i materiali stesi sulle fondamenta), riparato il sistema di riscaldamento nel pavimento, sostituito i muri interni in pannelli di legno (infiammabili e mediocri isolanti acustici) con il miglior cartongesso sul mercato per migliorare l'isolamento acustico e termico e per rallentare un incendio (se mai dovesse succedere). Abbiamo anche sostituito la caldaia, rifatto l'impianto elettrico, modificato alcune finestre e porte per rispettare i regolamenti in termini di resistenza al fuoco e facilita' di fuga.
Insomma, dopo tre mesi di lavori, gli interni sono tutti nuovi e non vediamo l'ora di entra…

Progresso nella casa nuova

Immagine
Un aggiornamento sul progresso nella casa nuova.

I lavori procedono spediti e non mi soffermerò sui dettagli di tutte le cose rimosse e ricostruite.

Le scorse settimane i muratori hanno steso delle reside epossidiche  sulle fondamenta di cemento come protezione contro l'umidità e hanno livellato il pavimento con un cemento molto fine.

A questo punto, il pavimento è così liscio che basterebbe un sigillante e potremmo aver finito. Siccome però la casa non sarà un negozio o un magazzino, vogliamo avere uno stile un po' meno industriale e faremo installare delle assi di marmoleum (un tipo di linoleum fabbricato da un'azienda svizzera che ha introdotto un processo privo di materiali tossici). Avremo un pavimento resistente, igienico (naturalmente anti-batterico grazie all'ossidazione dell'olio di lino, idrofobo e antistatico quindi respinge polvere e non lascia crescere funghi o muffe) e bello da vedere.

Questa settimana i muratori hanno finito di installare tutte le f…

Sunnyvale -- La città con il simbolo a forma di cono gelato

Immagine
Stamattina siamo saltati in macchina presto e siamo andati a Sunnyvale per fare alcune commissioni. Ad una delle fermate, io e Alessio abbiamo fatto una passeggiata in Panama Park. C'erano due squadre di pulcini che giocavano, con i genitori che tifavano civilmente.
Guardando con attenzione l'insegna del parco, mi sono accorto che quando i lavori in casa saranno finiti e riusciremo finalmente a traslocare, finiremo per vivere nella città con il simbolo a forma di cono gelato!



Donazioni e un video da parte di qualcuno le cui donazioni cambieranno il mondo

Immagine
La settimana scorsa, come il resto della comunità mondiale, ero rimasto molto toccato dalle notizie drammatiche provenienti dall'Europa e dalla difficile situazione dei rifugiati in Medio Oriente. Ho annunciato l'intenzione di cambiare il mio piano di donazioni in beneficenza per quest'anno, inizialmente pensando che avremmo donato ad organizzazioni in Germania. Poi ho condiviso più dettagli quando mi sono chiarito le idee, decidendo di focalizzarmi su organizzazioni che aiutano i rifugiati durante il loro viaggio o dove ci sono conflitti.

Ieri ho completato le nostre donazioni 2015, destinando un contributo a tre organizzazioni internazionali:

UNHCR: il commissarriato per i rifugiati delle Nazioni UniteInternational Rescue Committe. Non profit non governativa focalizzata nell'aiutare popolazioni in difficoltà. Il 92% dei fondi vengono destinati ai programmi di aiuto, il resto in amministrazione e funding.Medici senza Frontiere. L'80% dei fondi destinato ai programm…

Un po' di sollievo

Immagine
Dopo giorni di tristi notizie dall'Europa e tanti articoli dell'odissea che migliaia di rifugiati hanno dovuto affrontare per arrivare in Germania, oggi un amico ha condiviso su Whatsapp un video che mi ha dato un po' di sollievo.



Nel frattempo, dopo aver capito che UNHCR e Medici senza frontiere erano in Turchia, Macedonia e Ungheria a dare una mano, credo le nostre donazioni saranno per queste organizzazioni, che peraltro sono sempre nei posti del mondo dove ci sono le emergenze più acute.

Per quanto riguarda le associazioni in Germania, mi sembra di capire che la popolazione stessa si stia organizzando per accogliere i disperati in arrivo, quindi forse il nostro aiuto sarà meglio speso per aiutare chi è ancora in viaggio.

L'altra foto dei profughi Siriani che mi aveva colpito

Immagine
C'era un'altra foto dei profughi Siriani che arrivano in Turchia che mi aveva colpito qualche settimana fa. L'avevo vista sul Post.it, scattata da Daniel Etter, raccontava la storia di una famiglia scappata dalla propria città conquistata dall'ISIS e bombardata dal governo Siriano. Marito, moglie, quattro figli. Disperati ma salvi e, immagino, sollevati.

La foto del bambino annegato mi ha colpito e rattristato in un modo diverso, molto più profondo, quasi animale.

Forse perché non c'è stata salvezza o sollievo per quel piccolo bambino la cui famiglia scappava da Kobane.

Forse perché con un'occhiata al bambino, che si vede parzialmente in braccio ad un poliziotto Turco, ho realizzato che avrà avuto l'età di Alessio e il pensiero mi ha scosso dal profondo.

Forse perché ho pensato troppo ingiusto che la politica Europea temporeggi e tentenni mentre degli innocenti muoiono in una fuga dalle bombe e dalla violenza più cieca.

Forse perché avevo già le palle girat…

Papà fortunato

Immagine
Questa sera, come una sera qualunque, sono rientrato dall'ufficio relativamente presto. Ho sgranocchiato un paio di patatine con Alessio, che mi ha "raccontato" la sua giornata.

Ho capito "fluffy", "ochi" (parco giochi), "yaya" (bambina), "casa", "papà".

Grazie ad alcuni suggerimenti da parte di Jenny, ho capito che stamattina hanno ritrovato "fluffy" (il criceto di peluche che ha in mano nella foto) nascosto in qualche posto improbabile. Nel pomeriggio sono andati al parco giochi, dove Alessio è sceso dallo scivolo insieme ad una bambina. Poi sono tornati a casa ad aspettare che arrivasse papà.

Nel frattempo abbiamo sentito delle sirene in lontananza e, arrampicandosi su una sedia, ha esclamato "iuuu outside"

Ho ripensato al post che avevo scritto oggi dopo pranzo e in un attimo ho saputo con certezza di essere tra i papà più fortunati del mondo, insieme ad altri i cui figli sono in salute e che non …

Solidarietà, amore, accettazione per i migranti

Nel mezzo di una giornata qualunque, ho aperto ilpost.it per scorrere rapidamente le notizie e farmi un'idea di cosa succede nel mondo.

L'occhio mi è caduto sull'articolo del bambino Siriano morto in Turchia. Ci sono foto terribili che, chiariscono nel sottotitolo dell'articolo, ilpost.it ha deciso di non pubblicare. Raccontano la storia di un naufragio di profughi Siriani avvenuto in Turchia. Alcuni naufraghi sono morti e pubblicano la foto di un poliziotto che porta via dalla spiaggia il corpo di un bambino. La foto non è raccapricciante come quelle che circolano su internet e che ho scelto di non guardare, ma è stata sufficiente a farmi salire le lacrime agli occhi.

Ci troviamo davanti ad un'emergenza umanitaria pazzesca. Mi si stringe il cuore a pensare a quanta disperazione stanno affrontando in decine di migliaia. Mi vergogno di essere Europeo quando penso ad imbecilli come Salvini o il primo ministro ungherese che sfruttano vili idee populiste per trarre van…

Cosa pensi dei mercati in questo momento?

Nel digest settimanale di uno dei blog che seguo, ho trovato un post interessante che mi ha ispirato a scrivere una cosa veloce su tutto quello che so sul tema degli investimenti e della finanza personale.
Il post che ho letto è intitolato "The worst question of them all" e racconta di come l'autore, che lavora come financial advisor (forse in Italiano si dice "promotore finanziario"?) odi sentirsi chiedere "So what do you think of the market right now?" -- ovvero "Allora, cosa ne pensi dei mercati finanziari in questo momento?"

Vedete, non è una domanda che mi infastidirebbe. Forse perché, nonostante siano più di 10 anni che il tema è un hobby che coltivo con discreta costanza, nessuno mi chiede mai la mia opinione. E forse è meglio così, perché chi mi conosce bene sa che mi lancerei in una lunga predica che cercherò di riassumere in questo post.

In questo momento, penso più o meno le stesse cose che pensavo ieri, un anno fa e molto probab…

Vivere senza elettricita' a Los Angeles

Mi sono imbattuto nel blog Mostly Harmless (ovvero "prevalentemente inoffensivo"), curato da un personaggio che sembra interessante. Per ora ho letto solo due posts e ho deciso di scrivere un brevissimo sommario del post intitolato "How I Gave Up Alternating Current" ovvero, "come ho rinunciato alla corrente elettrica"

Come dice il titolo, nel suo appartamento non ha corrente elettrica.Non ha un'auto, come tanti in posti come San Francisco o New York City, ma piu' insolito a Los Angeles. In ogni caso, quando deve muoversi, usa Uber. Non che gli serva molto perche' non ha molte commissioni da fare siccome...Non ha una cucina. Vive di Soylent. Costa poco, non bisogna cucinarlo. L'unica concessione e' una stufetta da campo a gas per farsi del te. Mangia fuori quando vuole stare in compagnia.Non ha un contratto internet, no modem, no wi-fi. Guarda la tv tramite un proiettore che proietta media in streaming connesso a internet tramite il suo…

Cosa abbiamo fatto con Michele e cosa facevamo quando non facevamo niente con Michele

Immagine
Learn to Fly dei Foo Fighters cantata dai Rockin 1000. Ne avevo sentito parlare e con un po' di curiosità questa mattina ho guardato il video. Una bella idea, una bella canzone, una buona performance. Ho messo il video alla fine di questo post e me lo sono ascoltato diverse volte mentre scrivevo.

Oggi per pranzo a lavoro sono venuti a trovarmi Jenny, il piccolo Alessio e il mio figlioccio Michele di 16 anni, venuto a passare qualche settimana di vacanza in California.

Oggi era la terza settimana da quando è arrivato. Ha passato due settimane a seguire corsi di computer grafica presso il campus di Stanford. Il resto del tempo lo ha passato da noi.

Non abbiamo fatto grandi cose, praticamente ogni aspetto della nostra vita questa estate congiura affinché noi non si possa fare grandi cose. Ovvero abbiamo impegni che ci vincolano a casa con orari abbastanza stretti.

Per esempio, siamo stati nel vivo della selezione di un General Contractor per iniziare i lavori di ristrutturazione in c…

Vorrei aver risparmiato di più

Immagine
Non bastasse essere andati ampiamente oltre il budget che ci eravamo dati per comprare casa, adesso siamo impantanati con il dover fare dei lavori prima di traslocare.

Faccenda non semplice perché in questa zona con case di legno costruite negli anni '50 e '60, fare dei lavori è come giocare a domino. Se tocchi una cosa, poi sei costretto a ristrutturare la casa intera. Con l'economia locale in crescita selvaggia e il fatto che tutti fanno lavori in estate, trovare un costruttore serio e professionale è difficile e i costi non fanno altro che lievitare.

La situazione è grigia e un'espressione che si sente mormorare per casa è "vorrei aver risparmiato di più".

Il che mi porta a scrivere di uno dei miei temi preferiti: il comportamento dei piccoli investitori. Perché non abbiamo risparmiato di più nel corso degli anni?

La faccio breve con quattro motivi strettamente correlati.

Prima di tutto, per la maggior parte delle persone è cognitivamente difficile pensare…

Cosa mi aspetto dall'estate 2015

Immagine
È quasi mezzanotte, dovrei essere andato a dormire da due ore e invece sono qui che scrivo sul blog. L'anno sembra iniziato ieri eppure siamo già in estate.

Dal punto di vista fisico, proprio ieri sera ho fatto 3 pull-ups, seguite da 3 chin-ups e 3 negative pull-ups. Non ho avuto questo tipo di forza da qualche anno e fa piacere. Sto anche correndo un 5km alla settimana. La sfida sarà riuscire a trovare la costanza e la disciplina di continuare nel corso dell'estate.

Mi auguro che i reminder di coach.me mi aiutino come hanno fatto finora per flessioni quotidiane e filo interdentale. Il fatto però che io stia scrivendo nel mezzo della notte non promette nulla di buono in termini di disciplina. Per ora, impostare una sveglia alle 21:30 per ricordarmi di fermare tutto e prepararmi per andare a dormire come fa Will Smith in "I am legend" (al terzo minuto del video sotto) non è servito a granché.

Da qualche anno mi piace leggere di behavioral e cognitive biases, quindi fa…

Vacanza a Las Vegas, mio cognato, l'emigrazione

Immagine
Siamo appena tornati da una breve vacanza a Las Vegas (da Mercoledì a Domenica) per celebrare il matrimonio tra Joanne, al sorella di Jenny, e Ross. E quindi adesso sono munito di cognato Americano!

Mio cognato è un produttore musicale, lavora con artisti molto famosi ma ne parla di rado, ha un anno in più di me.

La cerimonia e i festeggiamenti si sono tenuti alla Springs Reserve, una parco naturale nel deserto appena fuori Las Vegas con installazioni che raccontano la storia di alcune sorgenti naturali (springs), degli insediamenti dei nativi, e dell'affascinante ecosistema del deserto.

Jenny era la testimone della sposa. Il fratello di Ross il testimone. Alessio ha portato gli anelli preceduto dal suo cugino acquisito Cole (7 anni) che portava una lavagnetta con su scritto "Love".

Tra i pensieri letti dal celebrante c'era un messaggio di ringraziamento che mi ha colpito molto. Era un messaggio da parte di Joanne verso i suoi genitori.

Li ha ringraziati per aver las…

Basta un'attimo

Ieri era la festa della mamma, di cui mi sono completamente dimenticato finché Jenny ha chiamato sua madre per farle gli auguri. Che figuraccia.

Poi siamo andati al mercato di Mountain View, come facciamo spesso la Domenica mattina.

Tornati a casa, abbiamo sbrigato un po' di faccende e preparato pranzo: spaghetti con cime di asparagi; asparagi lessati e saltati con sale, pepe, olio, scorza di limone e un po' di parmigiano; e patate al forno.

Ad un certo punto, Jenny va a tirare le patate fuori dal forno. La presina nella mano destra, per qualche motivo, non tiene il calore e le scotta la mano. Per istinto, afferra brevemente la teglia con la mano sinistra. Corsa dal dottore, bruciatura di secondo grado alla mano sinistra. Creme antibiotiche e mano bendata per qualche giorno. Guarigione assicurata, quindi tutto bene. Ma per un attimo, che spavento.

Ci sono così tante cose belle nella vita che diamo per scontate... e che finiamo per apprezzare profondamente solo quando ci ricord…

Team funzionale

Domenica mattina siamo andati al mercato dell'ortofrutta di Mountain View. Cerchiamo di andarci ogni settimana ma non ci riusciamo sempre. È sempre bello fare un salto al mercato: comunità vibrante, tanta scelta di frutta e verdura biologica di stagione,  fa molto California. Di solito cerchiamo di andare quando apre alle 9 perché entro le 10 è già super affollato.

Le nostre conversazioni però sono di rado leggere. Che vi aspettavate: ci siamo conosciuti in Business School. Lei ha studiato Matematica, io Ingegneria Elettronica e Informatica. Guardiamo poca TV. A lei interessano design e artigianato. A me interessano finanza ed investimenti e scienza in generale.

Sulla via per il mercato ieri abbiamo fatto un paio di considerazioni su come la performance di un progetto o programma (ovvero insieme di progetti volti a raggiungere un obiettivo programmatico più ampio) sia profondamente legata al livello di alignment nel team.

Entro certi limiti, quasi non importa quante persone siano …

Cercare casa in Silicon Valley: i prezzi come li vedo oggi

Immagine
Pochi giorni fa ho scritto delle citttà in cui stiamo cercando casa e ho citato prezzi di esempio: "Case di dimensioni e caratteristiche simili vengono offerte sul mercato a $1.4M a Cupertino e $1.9M a Palo Alto."

I numeri son numeri e il bello della finanza e' che e' altamente "scalabile", ovvero e' facile espandere l'ordine di grandezza. In altre parole, i meccanismi per ragionare in termini finanziari non cambiano che ci siano tanti o pochi zeri.

Ma l'ambiente in cui viviamo condiziona profondamente il modo in cui pensiamo a questi numeri.

Per esempio, se scrivo che sto cercando case che costano circa $10,000, $100,000, $1M, o $10M, la matematica non cambia per nulla: la caparra minima e' la stessa proporzione del valore stimato della casa, la struttura del mutuo non cambia, c'e' una formula che lega il valore limite del mutuo e il reddito del contraente.

Ma per chi vive in un posto dove il costo medio delle case e' sotto i $1…

Ricerca di una casa in Silicon Valley: dove stiamo cercando

Stiamo cercando casa da circa 3 o 4 settimane. Abbiamo cominciato a lavorare con un agente immobiliare raccomandato da Federica e Federico (i quali hanno comprato casa a Redwood City un mesetto fa).

In verita' "l'agente immobiliare" sono due persone. Master e apprentice, come con i Jedi ed i Sith in Star Wars.

Abbiamo iniziato la nostra ricerca nella zona tra Cupertino (limite a Sud) e Redwood City (limite a Nord).

In mezzo quest'area, abbiamo immediatamente identificato una "no-fly zone": Palo Alto, Los Altos, Menlo Park e Atherton sono fuori dalla nostra portata.

Palo Alto e' carina, centrale, ricca di servizi ed ha ottime scuole. Purtroppo fuori dal nostro budget perche' il costo per metro quadro e' proibitivo. Case di dimensioni e caratteristiche simili vengono offerte sul mercato a $1.4M a Cupertino e $1.9M a Palo Alto. Se gia' storciamo il naso davanti ai prezzi di Cupertino, senza dubbio non possiamo considerare Palo Alto.

Menlo Par…

Aggiornamento sui propositi per il 2015

A meta' Gennaio avevo annunciato tre propositi per il nuovo anno e vorrei dare un aggiornamento.

Prima di tutto, ringrazio coach.me, una app per monitorare il progresso nel perseguire degli obiettivi, per il successo ottenuto fin qui. Senza i reminder della app non avrei fatto molto progresso...

Dunque, vediamo come e' andata:

Filo interdentale ogni giorno

Status: molto bene, e' diventata un'abitudineNote: Ho usato il filo interdentale 100 volte sui 105 giorni on record. Ormai e' un'abitudine e forse e' l'effetto placebo, ma mi sento come se davvero stessi vincendo la battaglia contro placca e tartaro.

10 flessioni ogni mattina

Status: bene, ma non e' ancora un'abitudineNote: Ho fatto flessioni 101 volte sui 105 giorni on record. All'inizio 10 flessioni causavano indolenzimento muscolare, ma di questi tempi faccio 2 o 3 serie da 20 senza problemi. Non male, ma ho ancora bisogno di un reminder o finisco per "dimenticarmi" di fare flessi…

Rompere il ghiaccio con il blog

Ho perso l'abitudine di scrivere sul blog e quindi mi avvicino al mezzo con esitazione, quasi imbarazzo.

Generalmente introspettivo ma non troppo riservato, non avrei grossi problemi a raccontare le piccole cose che accadono, se non fosse che il blog oggi come oggi mi sembra uno sconosciuto.

Ci sono diversi fattori che hanno contribuito al cambiamento delle abitudini. In parte è una questione di organizzazione dei tempi: tra lavoro, famiglia con bambino piccolo, e la scomparsa delle ore passate in navetta, non mi rimane molto tempo per me stesso in momenti della giornata in cui mi sento energetico e ben disposto a scrivere.

Non che mi lamenti del fatto che non passo più ore in navetta ogni giorno. Al contrario, la mia vita è migliorata drammaticamente da quando abbiamo lasciato San Francisco. Fare 10 minuti in Vespa per andare al lavoro è un sogno diventato realtà.

Un altro fattore è che ci sono tante cose che mi accadono ma di cui non posso o non voglio parlare. Durante questi qu…

Buon 3.1415926

Immagine
Sabato scorso era Pi-day, il giorno del π, ma anche il giorno della torta ("pie", si pronuncia uguale). Una giornata speciale per i geeks ed i golosi.
Perché? Perché era il 14 Marzo, che da queste parti si scrive 3/14.
Meglio ancora. Una cosa da una volta nella vita: Sabato era il 3/14/15 (in Italiano scriveremmo 14/3/2015), ovvero le prime 5 cifre del π (3.1415).
Amy e Miles, due amici degli anni a UC Berkeley erano a pranzo da noi.
Miles dice di aver comprato la torta alle 9:25 del mattino. Peccato, perché per un minuto avrebbe centrato le prime 8 cifre del π (3.1415926), invece ne abbiamo portate a casa solo 7.
Va a sapere, queste strane persone a cui piace la matematica...



L'impensabile

L'impensabile è accaduto ieri (Domenica). Senza accorgercene, abbiamo dato buca ad una coppia di amici che ci aspettavano per pranzo a casa loro a San Francisco.

Una settimana fa ci eravamo scambiati l'ultima email per accordarci. Né io né Jenny abbiamo immediatamente creato un evento in calendar. E visto che avevamo diverse altre cose in lista in aggiunta alle solite commissioni del weekend, purtroppo ci è passato di mente.

Impensabile, eppure è successo. Che imbarazzo! Tante scuse, ci riproviamo a Marzo...

Due obiettivi

Ho due obiettivi di carriera un po' insoliti a cui penso da qualche anno.

Il primo è che ad un certo punto mi piacerebbe dirigere un turnaround o una ristrutturazione aziendale difficile dal punto di vista finanziario e operativo. Non sono vicino all'obiettivo ma chissà magari un giorno mi capiterà l'occasione.

Il secondo è operare con il goal di medio termine di eliminare la mia stessa posizione in qualche transizione organizzativa. Ovvero traghettare il proprio team (o i propri teams a seconda dello scope) attraverso una ristrutturazione in cui i team vengono riassegnati ad altre organizzazioni e la mia posizione formalmente viene eliminata. Con l'idea che il tutto sia stato pianificato e voluto dai superiori, l'ipotesi fondamentale è che l'essere il Caronte di tale transizione significherebbe che ci sarebbero altre cose interessanti da fare. Ovvero eliminare la propria posizione non significa rimanere senza lavoro e anzi, potrebbe essere un'opportunità d…

Perche' voglio comprare casa nella Baia di San Francisco

Positives
This is where good jobs are
It isn't easy to think of another place in the world where the economy is so dynamic, companies are so forward looking in their employment policies, and highly-skilled profiles are so sought after. There certainly are other places in the world where the economy is strong, but frankly the Bay Area may be the best fit for Andrea's profile.


Build equity as part of our investment portfolio
Given the economics of the real estate market in the Bay Area, we won't be able to afford the house of our dream right off the bat.

And given the trends of real estate in the Bay Area, we won't become able to afford the house of our dreams any time soon. Not as long as we pay rent at the current rates.

But we could progressively accumulate the financial resources that we need to get where we want if we built equity instead of paying rent.

On the one hand, this approach presents some risks as we'd concentrate a lot of capital in one investment and t…

Perche' non voglio comprare casa nella Baia di San Francisco

Qualche giorno fa, appena tornati dall'Italia, mi era sembrato di capire da una conversazione con Jenny che fosse arrivato il momento cruciale in cui avremmo cominciato a cercare casa. Ma dopo ulteriori chiarimenti, abbiamo concluso che non siamo ancora sicuri.

Per aiutare me stesso a capire da che parte sto, scrivero' una breve serie di post in cui soppeso i pro e i contro. I post sono scritti in Inglese per semplicita'.

Comincio con l'elencare le 4 ragioni per cui non voglio comprare.


Negatives
1. Sets us back in our goal for Financial Independence
We modeled our "number" to consider ourselves financially independent but unfortunately, our number is "$X + home ownership".

Buying in a region where the median price of single family houses is $1.3M means that we need to save an additional $1.3M and lock that capital in a non-income generating investment.

Things may be easier if we lived in a place where houses are substantially cheaper. Although... war…

Addio al vecchio numero TIM

Immagine
Il primo giorno di vacanza in Italia mi ha riservato una sorpresa: la vecchia SIM che possedevo dal 1998 o 1999 non sembrava funzionare.

Strano, mi son detto. Ho lasciato Jenny e Alessio a dormire e mi sono recato al centro TIM piu' vicino.

Viene fuori che il numero e' ancora intestato a me ma disattivato perche' non ricaricavo da oltre un anno! Tra qualche tempo il numero verra' riciclato.

Il commesso al negozio ha bruscamente suggerito che io acquistassi un nuovo numero. Ho chiesto se poteva invece riattivare il mio numero attuale, ma trattandomi come se fossi un demente mi ha informato che serviva una scheda particolare che lui non aveva e che sarei dovuto andare a Vercelli.

Ho provato ad investigare:

[Andrea] Dove a Vercelli?
[Commesso] Al Carrefour.
[A] Siamo sicuri che hanno queste schede speciali?
[C] Forse. Non lo so. Devi andare a chiedere a loro se ne hanno ancora. Io non lo so.
[A] Nel dubbio, magari compro una scheda nuova. Mi faresti vedere che opzioni ta…

Propositions for the new year. Buoni propositi per il 2015

Se la memoria mi assiste, questa sarebbe la prima volta che esprimo formalmente dei propositi per il 2015. Qualcosa di simile a ciò che da bambino chiamavano "fioretti".

Credo che fare propositi per il nuovo anno sia abbastanza di moda negli Stati Uniti e forse sono stato influenzato, ma sono tornato dalle vacanze con tre intenzioni per il 2015:

Fare 10 flessioni come prima cosa ogni mattina. Non sono tante. Mi ci vorranno non più di 10 secondi al giorno. Questo naturalmente è un punto di partenza, l'obiettivo strategico è di sviluppare l'abitudine di fare attività fisica ogni singolo giorno.Alternare un libro di narrativa (fiction) per ogni libro non di narrativa (non-fiction) che leggo. Negli ultimi tempi leggo prevalentemente di investment management, behavioral economics, business. I temi sono interessanti ma mi sento come se stessi suonando una sola corda della chitarra che è il mio intelletto. È ora di reintrodurre narrativa.Usare il filo interdentale ogni giorn…

Tornati a casa. Buon 2015

È stata una bella vacanza di 3 settimane in Italia, ma è bello essere a casa. Sono quasi le 3 del mattino mentre scrivo, comodamente in pigiama e pantofole.
In questo momento vivo fino a fondo come assorbire il fusorario sia un'esperienza completamente diversa se si ha un bambino. Senza bambino, avrei dormito qualche ora in più e mi sarei svegliato verso le 4 del mattino.
Ma per Alessio, a mezzanotte Pacific Time erano le 9 del mattino per il suo orologio biologico e non c'è stato modo di rimetterlo giù. E così ci siamo alzati, dopo un'ora e mezza di tentativi.
Mi sono smistato la posta (fantastico servizio: abbiamo chiesto all'ufficio postale di accumulare la nostra posta mentre eravamo via e consegnarla in un pacco unico il 12 gennaio quando siamo tornati) e ho trovato due lettere dal governo per il progresso del rinnovo della mia carta verde. Anche tante holiday cards da amici e conoscenti. E una pila di cataloghi e coupon che sono già finiti nel bidone.
Mentre scri…