Traslocati

Esausti ma a destinazione. L'azienda di traslochi (Rosado Movers) ha fatto un ottimo lavoro con 5 ore per caricare, 1 ora e mezza di viaggio da San Francisco a Mountain View, e un altro paio d'ore per scaricare, spacchettare, e rimontare tutti i mobili.

Nella confusione, in tutta la giornata Alessio ha dormito appena una ventina di minuti durante una passeggiata in passeggino una baby sitter che abbiamo ingaggiato per un paio di giorni durante le fasi più concitate del trasloco. E come ogni bambino troppo stanco, ci ha fatto penare per metterlo giù stasera, ma alla fine ha ceduto.

Cena veloce prelevata da un ristorante vegetariano qui vicino (cibo di qualità discutibile, quindi quel posto ha già una croce sopra), doccia, e siamo belli pronti per spegnere le luci alle 21:30.

Senza fretta, ma dovrò cambiare il titolo al blog, perché dopotutto non sono più un Italiano a San Francisco.

Un grosso regret è che questa mattina Marco mi ha mandato un messaggio chiedendo se volevo andare al DNA Lounge per un concerto di Ligabue. Accidenti, proprio la sera in cui ci trasferiamo a Mountain View. Fosse anche stato domani, sarei riuscito ad andare! E va beh, la sera canto le canzoni di Ligabue ad Alessio e mi perdo l'unica data a San Francisco, che sfortuna.

Ciò detto, ho molte aspettative per le cose buone che porterà questo cambiamento.

Passare 3 ore o più al giorno facendo il pendolare non era comodo. Anche se c'è wi-fi sulle navette di Google, lavorare per molto tempo seduti nel sedile di un autobus dopo un po' diventa scomodo. E poi c'era la faccenda di doversi alzare prestissimo per essere certi di non mancare i meeting per colpa del traffico. E alla fine, avere l'opzione di fare qualcos'altro è importante per la qualità della vita.



Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci

Il lato positivo e il lato preoccupante