Fine 2013

Avevo pensato di scrivere questo post ieri, il 31. Poi il piccolo Alessio ci ha dato fare, quindi chiudo l'anno precedente un po' in ritardo.

Cominciamo dalla colonna sonora. Per affinità tematica, scelgo "Closing Time" dei Semisonic.



Vorrei chiudere l'anno raccontando quattro brevi storie.

La carta verde
A Febbraio, alla fine del colloquio per ottenere la carta verde, l'ufficiale concluse il nostro incontro dicendo che approvava la richiesta e che, come da procedura standard, io e Jenny saremmo dovuti tornare a parlarle nel 2015 per rendere la mia carta verde permanente.

Tra due anni --disse l'ufficiale tutta seria-- dovremo verificare che la vostra unione sia sincera e non solo finalizzata all'ottenimento della carta verde. Vorremo vedere che avete avuto figli, oppure --disse puntando il dito su una nostra foto ai piedi del Cristo Salvatore a Rio de Janeiro-- vorremo vedere delle prove che avete viaggiato e vissuto insieme.
Non pare che avremo bisogno di fare dei viaggi apposta per dimostrare al governo che viviamo insieme: quel mattino di Febbraio, Jenny era già in dolce attesa di Alessio, ma non lo sapevamo ancora.




Le vacanze
Per la prima volta in molti anni, ho fatto delle vacanze vere. Ogni volta che c'era una pausa dal lavoro o dallo studio, avevo sempre qualcosa da fare: progetti, ricerche, colloqui.

Ma quest'estate siamo andati alle Hawaii per due settimane e visitato 3 isole (Oahu, Kauai, Maui). Spiagge, foreste, canyon, ristorantini, negozi. Le Hawai hanno veramente soddisfatto ogni nostro desiderio, interesse, e voglia di rosolarsi al sole.

Kauai è la più incantevole e selvaggia. Oahu è il posto dove vivremmo volentieri, magari a Kailua sulla costa nord. Stupenda e tranquilla, la cittadina è ad appena 30 minuti dal sapore metropolitano e turistico di Honolulu e Waikiki beach.

Non credo succederà mai, ma questo era il tenore delle nostre conversazioni.

Una cosa però che vorrei far succedere, è andare con lo zio Francesco a camminare lungo il Kalalau Trail, sulla Napali Coast. Due giorni di camminata nel paradiso terrestre. Da fare almeno una volta nella vita.


Piccolo Alessio
Nato il 16 Ottobre, oggi il giovanotto compie 11 settimane.

Si potrebbe commentare su tante cose: sonno perso; peso e lunghezza; rapido cambiamento di colore, odore e consistenza della pupù; volume delle grida; altro sonno perso.

Oggi però mi soffermerò sui miei "top three heart-melting moments":

  1. La prima volta che ho sentito il suo cuore battere durante un'ecografia. Aveva circa 8-9 settimane e penso fosse lungo 1 cm. Che ci si creda o no, quel momento è stato per me più emozionante perfino della nascita (e sono stato accanto a Jenny per tutte le 33 ore del travaglio)
  2. La prima volta che mi ha inequivocabilmente riconosciuto e fatto un sorriso per primo. Era già magico quando rispondeva ai miei sorrisi, ma il suo primo sorriso spontaneo ed intenzionale è stato una botta di vita.
  3. La prima volta che ho capito che con tutto quello sgambettare voleva stare in piedi senza altro aiuto se non di una mano a rimanere in equilibrio.




Gli anni
Il 29 Luglio ho compiuto 5 anni negli Stati Uniti.

Il 29 Luglio del 2008 feci il viaggio verso Berkeley, destinazione una casetta lungo Tunnel Rd., il mio primo indirizzo in California. Viaggio di cambiamento sia sostanziale che simbolico.

Una corsetta verso il campus dell'Università fu una delle prime cose che feci. Dopo un sonno ristoratore, la mattina del 30 mi incontrai con Gabriele, anche lui all'inizio della stessa avventura. Ci andammo a procurare un telefono e ad aprire un conto in banca: una nuova vita inizia dalle cose semplici.

Nessuna delle tre valigie con cui sono emigrato è sopravvissuta a tutti i viaggi ed i traslochi (l'ultima valigia ha ceduto nel corso del 2013). Anche molti dei capelli hanno cominciato a cedere...

Ma rimane intatta, se non più forte che mai, la soddisfazione di essere riuscito ad imprimere una direzione alla mia vita, di essere riuscito a scegliere un percorso non ovvio e non sempre privo di ostacoli.

Sembra ieri. Ma era 5 anni fa.


Posta un commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci