Burocrazia che funziona

Al lavoro dall'ufficio di San Francisco
dopo una puntata veloce in un ufficio governativo 
L'appuntamento era alle 10 di un Venerdì mattina. Sono arrivato in zona con largo anticipo, dopo aver accompagnato Jenny al lavoro in Vespa.

Ho fatto colazione in uno Starbucks, letto un po', dato un'occhiata alle email.

L'appuntamento era in un ufficio governativo per far avanzare la procedura per un permesso di lavoro, nulla di straordinario.

Ma è pur sempre governo, cosa ci possiamo aspettare?

Cosa mi aspettavo:

  • Di entrare in un edificio con tre corridoi, quattro scale, nessun cartello con delle indicazioni e nessun assistente in vista per aiutare
  • Una volta giunto allo sportello giusto, trovare una coda di almeno 30 persone
  • Metà degli sportelli chiusi e 4 o 5 impiegati a chiacchierare nel retro sorseggiando un caffè

Invece:

  • Quando mi sono presentato alle 9:48, all'ingresso c'era una guardia che ha controllato i documenti, verificato che fossi in lista, e allungato un modulo da compilare mentre aspettavo che chiamassero il mio numero
  • Non ho fatto in tempo a scrivere nome e cognome che mi stavano già chiamando
  • Il modulo ha finito di compilarlo la prima impiegata
  • Una seconda impiegata è venuta a prendermi per completare la procedura
  • Alle 9:59 ero avviato con passo deciso verso l'uscita. 11 minuti netti.


Bene così.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci