Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2010

Execution is everything

Ci sono stati tempi in cui pensavo che la chiave del successo (definito in termini molto vaghi) fosse avere una buona strategia. Gli anni e tanti errori da cui imparare mi hanno fatto cambiare opinione.

Da qualche tempo concordo in pieno con questa citazione di John Doerr:
[...] ideas are easy, execution is everything, and in anything worth doing, it takes a team to win. -- John Doerr
Ovvero: le idee non costano nulla, ciò che conta è l'esecuzione. Ed in tutto ciò che vale la pena fare, serve una buona squadra per vincere.

Esempio. Come si fa a correre una maratona entro il tempo desiderato? Serve un piano di allenamento. Che non ha bisogno di essere niente di speciale.

Perché sarà l'esecuzione, il lavoro duro, il sudore che faranno la differenza. Alzarsi prima dell'alba per allenarsi, uscire a correre anche se piove, nevica, o c'è un bel film in tv, fare ripetute quando si hanno le gambe già stanche.

E per farcela davvero, servono degli amici con cui allenarsi, con cu…

Torta di mele. Bruciata

Immagine
Non si può sempre vincere. E le sconfitte ci insegnano più di qualunque vittoria.

In un'altra ottica, mia nonna e mia madre dall'Italia mi avevano avvertito: ci vogliono un po' di prove prima di conoscere il proprio forno.

Ma ci sono comunque rimasto male quando ho visto che la torta era diventata nera e che il lievito non l'aveva gonfiata quanto previsto... pazienza. Una cosa alla volta.




La banda marciante più brava del mondo

Esecuzione perfetta. Lo scorso anno vivevo all'International House, un collegio della UC Berkeley attaccato allo stadio del football e mi ricordo che la banda faceva le prove quasi tutti i giorni della settimana per delle ore.

Ma questi ragazzi della University of Hawaii devono aver provato ancora più intensamente!





Buon Natale

Immagine
Tanti auguri a tutti in Italia!!

E ora scusate, devo andare a legare la carne per il roast beef...

Christmassy happy

Immagine
Abbiamo comprato una panchetta di legno su cui mettere un po' di piante e decorare l'angolo di soggiorno accanto al caminetto.

La panchetta è stata requisita per ospitare pacchi e pacchetti sotto Natale. La passione per le arti e i mestieri della Jenny è ben nota. E si è manifestata in pieno lo scorso weekend, in una febbrile felicità pre-natalizia!

Note di una insolita colazione

Immagine
Ingredienti:

Panettone delle Tre Marie. Va bene, il panettone arriva anche qui.
Crema al mascarpone. Basta seguire la ricetta, gli ingredienti si trovano facilmente.
Baguette a fette. Ci sta.
Taleggio. OK, la colazione sta diventando strana. Formaggio per colazione?
Prosciutto cotto della Citterio. Sorpresa. Jenny l'ha trovato da Costco, un supermercato all'ingrosso, famoso per vendere le cose in quantità enormi a prezzi imbattibili. Ho cercato prosciutto cotto nella Bay Area per 2 anni e mezzo, bussando senza successo alle porte di tante cosiddette gastronomie italiane. E Jenny me lo trova da Costco. Molto bene.
È stata la colazione più buona da molti mesi a questa parte..

Tiramisu PE

Immagine
Quello che vedete sono: una teglia di tiramisu da portare in ufficio per sfizio.

E un contenitore di "Tiramisu Personal Edition". Invenzione della Jenny che, senza proferire verbo, ha accostato il contenitore alla teglia mentre preparavo il prelibato dolce. Questo semplice gesto per riuscire a portarsi via una "fetta" di tiramisu mi ha fatto morire dal ridere.

Carta clonata e, pare, presto rimborsata

Immagine
Una decina di giorni fa ho scoperto di essere stato vittima di una delle frodi forse più comuni di questi tempi. Tutto è cominciato quando ho notato un addebito enorme sul conto corrente Italiano e che l'addebito corrispondeva ad una carta di credito di Unicredit.

Sorpresa perché, come tutte le altre cose Italiane e/o denominate in Euro, anche questa carta se ne sta buona buona, infilata in una busta, che è chiusa in una scatola, che è riposta sullo scaffale alto nello studio a casa. In sintesi, non la uso da molti mesi e non mi aspettavo alcun addebito. Potete immaginare l'enorme nuvola a forma di punto interrogativo sopra la mia testa.

L'estratto conto della carta ha chiarito ogni dubbio: mi avevano clonato la carta di credito e speso il massimo mensile in un giorno solo. Disappunto.

Da qui in poi, tutto secondo manuale: immediatamente bloccato la carta, inviato richiesta di rimborso con dettagli, copia dell'estratto conto, copia della carta chiaramente ancora in mio…

Totò ci ha raccontato il futuro!

Ieri il governo Italiano ha passato il voto di fiducia, come ci racconta il New York Times (sempre di grande aiuto se ho bisogno di capire i fatti).

E su YouTube ho trovato uno spezzone de "Gli onorevoli" del 1963, in cui Totò ha raccontato il futuro con precisione sorprendente. Sarà anche che l'Italia non è cambiata in 40 anni. Ma azzeccare il numero esatto di deputati che servono a salvare un governo, ha del miracoloso!!





I miserabili. Per fortuna sono lontano

Chi sa cosa è successo. Chi sa chi ha comprato chi.

Ho letto affermazioni senza logica che ho trovato aberranti. Ho letto di transazioni commerciali per convincere Onorevoli in una direzione piuttosto che in un'altra. Li chiamiamo Onorevoli perché si ipotizza rappresentino il massimo livello delle coscienze degli Italiani.

E invece, alcuni potrebbero aver preso una decisione importante per tutti gli Italiani, non ascoltando la propria coscienza o facendo quello che credevano fosse la cosa giusta. Ma seguendo direttive, facendo calcoli, vendendo il proprio voto per profitto personale.

Vero? Falso? Non lo so. Voglio pretendere che non mi interessi. Ho sbirciato i giornali occasionalmente nelle ultime settimane e ne sono rimasto disgustato.

Oggi ho pensato: che miserabili. Povera Italia. Per fortuna sono lontano. Ho una camera degli ospiti, se volete vedermi, venitemi a trovare.





Stiamo diventando sofisticati in cucina

Ieri sera cena a casa di Gabriele con una manciata di amici per salutarci prima delle partenze di chi torna in Europa per Natale.

Io e Jenny abbiamo portato gli antipasti e ci siamo scatenati per l'occasione. Abbiamo preparato una teglia di crostini con pate di funghi, due torte salate con cipolle e patate, e peperoni grigliati con filetti di acciughe e salsa verde.

A cena c'erano anche un consomme di carote all'anice e filetti di pesce al vapore con prezzemolo e germogli d'insalata su di una frittella di patate.

E diverse bottiglie di vino, una per ogni fase della cena naturalmente!

Mauro Ciarrocchi

Ho appena finito di ascoltare un podcast di Radio Chiama Italia in cui Aldo Rock ha parlato di Mauro Ciarrocchi, un triatleta bresciano che ha appena fatto l'Ironman di Cozumel (Messico).

Forse non tutti sanno che, ho velleità di diventare un triatleta amatoriale e gareggiare in un triathlon olimpico nella primavera 2011. E in questo contesto, sentire i tempi degli atleti professionisti, di colpo significa qualcosa.

So cosa vuol dire. E mi sento piccolo piccolo piccolo. Mauro Ciarrocchi ha chiuso la maratona (42 km di corso) a Cozumel in 3h 23m, dopo aver nuotato per 3.8 km ed essere andato in bici per 180km. Tra lo spaventoso e l'incredibile.

Qui sotto, il video di una vecchia puntata con Linus, Nicola, e Aldo in cui parlano dell'Ironman delle Hawaii.





Genio nella bottiglia

Spesso al pomeriggio, quando le cose si fanno più calme in ufficio, metto le cuffie e ascolto un po' di radio via internet.

Radio Montecarlo è la mia preferita quando in Italia è piena notte o l'alba comincia ad avvicinarsi. Ciò detto, l'unico pezzo di radio che mi do la pena di scaricare sul mio laptop e ascoltare regolarmente sono i podcast di Deejay Chiama Italia di Linus e Nicola!

Ma non divaghiamo. Ad un certo punto hanno passato Genie in a bottle, di Christina Aguilera. Ed ho avuto uno di quei momenti "Madeleine". La mente è volata ad una sera dell'estate del 1999. Stavo andando a fare il turno di notte in qualche casello del Novarese, probabilmente Biandrate.

Nello zainetto avevo un po' di frutta e le dispense di Campi Elettromagnetici. Esame cruciale, dovevo passarlo per venire ammesso al programma di Master con la University of Illinois.

Lancia Y blu, senza aria condizionata. Finestrini abbassati in autostrada al tramonto. A cantare Genie in a bo…