Il divano che non c'è

[caption id="attachment_1223" align="alignleft" width="300" caption="Sagoma del divano"][/caption]

Ci siamo trasferiti a San Francisco da circa tre settimane e siamo da allora stati impegnati in febbrili attività per arredare gli spazi. Estenuanti negoziazioni tra di noi si sono alternate ad entusiasmanti momenti al raggiungimento di un accordo.

La cucina è praticamente completa: ieri con qualche difficoltà ho installato la rastrelliera per le padelle e adesso non resta che acquistare qualche piatto di scorta.

La zona notte non è messa male: il mio guardaroba è completo dopo giorni di lavoro, tra qualche giorno arriva il letto e non resta che scegliere una cassettiera.

Il soggiorno invece è ancora definire. Solo tre pezzi sono già acquisiti: il tavolino da caffè Eclipse di Design Within Reach, il mobile della tv ereditato dal vecchio appartamento, e un tavolo con sedie in teak che abbiamo comprato usato.

Ieri non sono riusciti a consegnarci il divano perché non entrava nell'ascensore, peccato. Per porre rimedio alla situazione, abbiamo ricominciato a girare sistematicamente i negozi d'arredamento. Prima o poi troveremo un pezzo che soddisfa tutti i nostri (molti) requisiti...

Una volta trovato il divano, non resterebbe che scegliere tappeti e arredare le pareti... mah, per me qui si fa Natale...
2 commenti

Post popolari in questo blog

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci

Il lato positivo e il lato preoccupante