Spagna campione del mondo - ci vediamo a Rio

L'inizio di questa World Cup è stata un'agonia.  Vedere le partite dell'Italia mi creava una tale sensazione di disagio che forse venire eliminati è stato il male minore.

Dopo l'eliminazione, CHIUNQUE incontrassi mi chiedeva cosa fosse successo, neanche fossi io l'allenatore...  Ma almeno mi sono potuto godere le partite di professionisti che non scendono in campo per risparmiare le energie, pensando alla prossima partita.  Chi mi conosce bene sa che uno spicchio della mia filosofia di vita ruota intorno a questa citazione di Gattaca, uno dei miei film preferiti:
Vincent: You want to know how I did it? This is how I did it, Anton: I never saved anything for the swim back

Dare tutto adesso, perché potrebbe non esserci una prossima partita.  Dare tutto adesso, perché alle volte non vince il più bravo sulla carta, ma chi mette più cuore e impegno sul campo.

Ciò detto, Domenica mi sono goduto la finale Spagna-Olanda con un gruppo di amici, prevalentemente Latino Americani.  Unici spagnoli: Nacho e Lucia, con il viso dipinto di giallo-rosso.

Tra il primo e il secondo tempo ho tirato fuori dal frigo una teglia di tiramisù, a fine partita ci siamo spatolati tre pizze formato famiglia di Lanesplitter e chiacchierato un po'.  Abbiamo tutti finito l'MBA da un paio di mesi, entro un mese o due saremo ai quattro angoli della Terra facendo cose diversissime tra di loro.

Abbiamo lasciato Nacho e Lucia con la Coppa.  Appuntamento a Rio tra 4 anni.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci