Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2009

Avanti cosi

Huffington Post, National Post, Telegraph, Dailymail, Hello Magazine

In qualita' di italiano all'estero, sono piacevolmente colpito dall'ottima figura fatta dal nostro Primo Ministro al G20 quando ha incontrato Obama e Michelle.

Mi auguro che le cose vadano avanti cosi', perche' finora non sono stato preso in giro a sufficienza.

Conversations in Seattle

I'm in Seattle to visit Daniele and Sue. I hadn't met Daniele for... about 8 years! I landed last night (Friday) and we had a great start eating risotto funghi e zafferano and apple tartar for dinner.

This morning we woke up (relatively early) and ran 5 miles around a lake in their neighborhood. Then breakfast, trip to farmer's market to buy fish and vegetables for dinner, quick ride to Capitol Hill (where they lived until a month ago) and lunch at home.

While Daniele is doing home-made tagliatelle and Pandora Radio plays Ray LaMontagne, I find the compelling need to report a short -and hilarious- conversation I had with Sue:

A: "Thank you for introducing me to the world of Pandora Radio!"

S: "You see the advantages of being my friend? Now you can move to Seattle, then we find you a girl and you settle down. The only risk with Seattle is that there are many granola girls"

A: "What's a granola girl?"

S: "You know, they are crunchy, they don&…

Scusa ma non ho ancora messo gli occhiali

Immagine
[caption id="attachment_590" align="alignleft" width="300" caption="Colazione leggera"][/caption]

Ero davanti all'ascensore del mio piano. Stavo andando a fare colazione.

Una ragazza che conosco stava andando verso la sua stanza. La saluto.

Lei mi fa un sorrisone. Continua a camminare verso di me. Si avvicina ad una distanza di non piu' di un braccio e dice: "Chi e'?".

Anche se ero l'unico in zona, ho comunque chiesto per essere sicuro: "Chi e' chi? Intendi chi sono io?"

Sorrisone: "Si, chi sei?"

Forse sono in candid camera? Dico: "Sono Andrea, dall'Italia"

"Ahhh, ok! Scusa ma non ho ancora messo gli occhiali. Ciao!"

Questa e' una miopia seria. Io soffro di una miopia di simile gravita' per alcune scelte della vita. Amici, per favore, siate i miei occhiali. Aiutatemi ad essere lungimirante!

Vivo in Piedmont Ave

Immagine
[caption id="attachment_580" align="alignleft" width="300" caption="Piedmont Ave"][/caption]

Nato e cresciuto all'incrocio tra le provincie di Biella, Torino e Vercelli.

Durante il mio secondo anno a Berkeley (California), mi trasferisco a vivere all'International House.

Che si trova in Piedmont Avenue.

Profumo di casa.

Buon 9-9-09! un giorno in ritardo

Immagine
[caption id="attachment_577" align="alignleft" width="300" caption="Golden Gate Bridge - I can fly!"][/caption] Nel weekend ho portato Tram ed Eliane, amiche in visita da Montreal, in giro per la Baia: Golden Gate Recreational Area, Marin Headlands e Grizzly Peak Boulevard.

Sabato e Domenica: barricato a studiare, lavorare e organizzare la settimana entrante. Anche un po' di corsa, perche' la prossima mezza si avvicina.

Oggi ho fatto parte di un panel in cui l'argomento discusso era "Business Development and Corporate Strategy". In pratica dovevo parlare della mia esperienza di lavoro estivo. Ero seduto al tavolo con altri 5 compagni di corso del secondo anno. La sessione era a beneficio degli studenti del primo anno.

Rimango sempre profondamente impressionato da quanto in gamba sono i miei compagni di corso e da quanto sappiano articolare le proprie idee con forza logica e ricchezza di argomenti.

Per confrontarmi con efficacia…

Un sorriso venuto dal futuro

Non mi andava di uscire a correre alle 10 di sera e ho preferito fare un salto in palestra. Circa 45 minuti leggeri: stretching, qualche squat alternato, un po' di addominali.

Tanto domani matina presto correro' 4 miglia a passo di mezza maratona, 800 yards di jogging leggero, 1 miglio a passo da 10k e poi scatti: 6x100 metri. Gli scatti mi distruggono ogni volta...

Ma veniamo a noi, una delle cose che mi piace di Berkeley e' l'essere immerso in mezzo a tutti questi giovanissimi.

Io sono nella categoria di coloro la cui presenza e' tollerata. Di buon grado, ma pur sempre tollerata. Ci sono circa 10,000 graduate student in citta', ma Berkeley appartiene ai 20,000 undergraduate.

Di solito, hanno un'eta' compresa tra i 18 e i 21 anni. Per essere qui, significa che hanno dimostrato di essere in gamba e avere potenziale. Fanno festa, fanno sport, sono allegri, hanno sogni, il nostro futuro e' nella loro testa.

Insomma, uscendo dalla palestra l'ipod shuffl…

La prima lezione come assistente

Mentre aspettavano che cominciassi, i ragazzi mi scrutavano con attenzione. Mi immagino che si stessero chiedendo:
"Chi puo' essere questo signore con un nome femminile?"
Non mi illudo che pensino a me in termini di giovane. Sicuramente mi vedono adulto e non posso biasimarli. Quando sono nati, io ero gia' a meta' della mia epoca come teenager... Al minuto 5 ho fatto la classica battuta sul mio nome. Rotto il ghiaccio. Via, partiti.

Durante la mia sessione ci dovra' essere molta partecipazione, come si vede nei film americani. La partecipazione e la qualita' degli interventi sara' parte della valutazione.

Loro sono in classe per prendere un voto alto e avere accesso alla scuola di business nel quarto anno di universita'.

Loro sanno che non ci sara' posto per tutti.

Loro sanno che la loro partecipazione verra' valutata ogni volta.

Loro non vogliono perdere questa opportunita'.

Sono rimasto colpito dall'energia e dall'entusiasmo. Voglion…