A passage to India


Comincio a scrivere questo post con Hurricane di Bob Dylan in cuffia. In qualche senso, ho gia’ lasciato l’India: passati i banchi dell’immigrazione e i metal detector, mi sento praticamente in acque internazionali.

Sono le 11:30pm. Il volo e’ programmato alle 2:10am. Ho un anticipo per me solitamente inconcepibile. Ma in India non si sa mai. La settimana scorsa un altro stagista ha rischiato grosso perche’ il taxi aveva una gomma a terra!

Il volo e’ previsto in decollo alle 3am e mi aspettano lunghe ore di attesa, ma addolcire la pillola... ho appena ricevuto un upgrade in business class!!!

Il mio volo Lufthansa per Francoforte sara’ una delizia. 9 ore squagliato sui sedili di business... Non sono il primo degli stagisti a cui capita l’upgrade, non riusciamo a capire perche’. Uno scenario vede vincente la combinazione di overbooking, viaggiare da soli e arrivare in anticipo.

Spostando in business i viaggiatori da soli e in anticipo, si riduce il rischio di ritrovarti con una famiglia che arriva al check-in all’ultimo minuto e che devi spezzare perche’ il volo e’ pieno e sei in overbooking!

Vabbe’, quel che sia, a questo giro mi e’ andata proprio bene!
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci

Il lato positivo e il lato preoccupante