il pepe, il cameriere e la barriera culturale

<-- Le posate dell'Oterra: design di Sambonet-Paderno, un'azienda Italiana!

Oggi ultimo pranzo a Oterra, l'hotel/ristorante di lusso vicino al campus dove andavo con gli stagisti a fare l'happy hour e dove c'e' stata la settimana della moda. Una nota sull'happy hour: al bar dell'Oterra significa che dalle 4pm alle 8pm la birra e' scontata al 50% e una Kingfisher costa 110 rooops (1.3 EU)...

Sono andato a pranzo con Mariana, la quale non ha resistito a mettere scarpe con tacco e canottiera scollata. Nei 10 minuti a piedi dalla guest house al ristorante ci hanno osservato piu' che quando andavo a correre. Mi manchera’ questa ragazza peruviana super festaiola - e rumorosa in ufficio!

A cena ci siamo ritrovati al “Road trip”, dove ho salutato tutti gli intern che sono in citta’ per il weekend. Appena una quindicina, molti dei quali lasceranno l’India la prossima settimana. Come Juliana, che oggi continuava a dirmi “ti invidio cosi’ tanto perche’ puoi gia’ andartene”, come a dire che non le manchero’ per nulla, ma e’ gelosa del mio status di stagista che ha gia’ dato l’ultima presentazione!

Stasera a cena ho chiesto di avere il mio piatto di ravioli senza pepe nero e senza peperoncino. Il cameriere ha scosso la testa come fanno gli indiani e ha detto “yes sir, yes sir”. I ravioli sono arrivati coperti di pepe. Come al solito. Parto senza aver capito perche’ succede.

Un’ipotesi e’ che non capiscano proprio cosa dici. Contrariamente alle credenze in occidente, in India non si parla l’inglese molto piu’ che in alcuni paesi europei. Chi riceve una buona educazione, la riceve in Inglese. Ma l’uomo della strada parla la lingua locale mischiata a qualche parola di inglese pronunciata in modo bizzarro. Dunque l’ipotesi e’ che non capiscano, dicano di si perche’ cosi si fa, e poi facciano di testa loro. Magari pensando che non mantenere la promessa non faccia differenza una volta che si e’ detto si.

Un’altra ipotesi e’ che intuiscano quello che gli chiedi. Ma non ci possono credere. Non possono credere che tu non voglia inghiottire una badilata di peperoncino e solleticarti le vie respiratorie con una manciata di pepe. Magari non sicuri al 100% del proprio inglese, non osano chiedere chiarimenti, dicono di si, e chissa’ cosa vanno a dire al cuoco.

Il succo del discorso e' che non so per quale ragione questo succeda, ma e' una cosa che non mi manchera'!!!
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci