Questione di coraggio... e di fortuna

Seguo le questioni Italiane piuttosto salutariamente, perche' accetto di inghiottire pillole amare solamente in piccole dosi e raramente ce ne sono di dolci nei siti di informazione con dominio ".it".

Oggi pero' ho trovato un tema (e un commento) interessante e leggero. E che mi ha dato un po' da pensare.

Questo e' il link all'articolo che racconta la storia, mentre questo e' il link all'articolo che mi e' piaciuto di piu' e che vorrei commentare.

La storia, in termini molto ampi, si riferisce alla solitudine dei single e alla voglia di sposarsi e sistemarsi in un mondo che invece valorizza carriera e relazioni fugaci e leggere.

In un mondo in cui vogliamo piacere a tutti, chi ha il coraggio di voler piacere a una persona sola?

In un mondo in cui possiamo provare ad incrociare le strade per breve tempo con tutti quelli che ci piacciono, chi ha il coraggio di scegliere una sola persona e farla finita con gli incroci?

Come si fa a decidere che una persona ci piace abbastanza?

Quando e' facile scegliere la strada facile che porta alla leggerezza di cuore oggi e alla solitudine certa domani, come si fa a scegliere la strada difficile che porta a costruire, costruire e costruire, senza sapere di sicuro cosa sara' del domani?

Ci va coraggio... e fortuna!
1 commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci