io ti cherchero'

Nel tragitto dall'ufficio alla mia stanza ho il tempo di ascoltare un paio di canzoni. Appena uscito dal Building 26 e' partita "Every breath you take", The Police. OK, bella canzone.

Subito dopo, "Io ti cerchero'", Jovanotti. Il sole tropicale era quasi tramontato, l'aria era calda ma non troppo, il caldo saliva dall'asfalto del vialetto. La canzone e' partita quando il vialetto arriva in una piazza/fontana circondata da edifici nuovissimi e siepi perfettamente curate.

Sara' stata la dolcezza della melodia, il tepore tropicale... non so, ma mi e' venuta voglia di Italia. E mentre mi coccolavo in quel pensiero, sono arrivato in stanza e ho trovato un messaggio su facebook da Musampa, che mi salutava e chiedeva quando torno a trovare gli amici.

E li, ho proprio avuto voglia di casa.

Mi piace esplorare posti nuovi, vedere cose nuove, parlare con persone che hanno una storia diversa.

Ma in quel momento, ho avuto voglia di caffe' vero, di grappa, di gelato buono buono, di lasagne, di sms per decidere a che ora trovarsi al solito bar, di chiacchiere allegre seduti in macchina prima di tornare a casa, di cantare Maracaibo a squarciagola.

Prima o poi, pazienza... ma e' sempre bello trovare i messaggi degli amici nella inbox

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci

Il lato positivo e il lato preoccupante