5K nel campus

Un altro passo avanti verso il dominio del mezzo tecnologico. Questo e' il primo articolo che spedisco al mio blog via email, mentre di solito scrivo il mio articolo direttamente nel sito. Mandando via email, in teoria, dovrebbe essere piu' facile aggiornare il blog anche quando internet non e' affidabile. Vedremo se e' vero.
 
Si diceva, lo scorso Venerdi' c'e' stata una gara aziendale per attirare l'attenzione sui danni ambientali causati dalle borse di plastica. La gara era un 5 km da correre dentro il campus. Piu' di 400 iscritti. Mi sono iscritto anche io, cogliendo l'occasione per fare un allenamento diverso dal solito.
 
Come e' andata? Dignitoso. Sono arrivato 7mo, correndo in poco meno di 24 minuti, che per uno come me va abbastanza bene. Quattro i momenti degni di nota della gara:
  1. Pioggia. Tanta pioggia.
  2. Verso la fine della gara, causa enfasi, ho chiesto a un altro corridore "quanto fa?" invece di "quanto manca?" Avra' pensato che lo volessi corrompere per avere il 7mo posto :-)
  3. Nell'ultimo kilometro di gara ho alzato sensibilmente il ritmo. Cuore e gambe c'erano. Il pollo fritto che avevo mangiato 2 ore prima pero' ha protestato e ho dovuto darmi una calmata prima che la situazione degenerasse!
  4. Arrivo in volata di potenza. Mi sono sentito come Rocky contro Apollo Creed quando corrono sulla spiaggia!!!

E' interessante notare come un altro stagista sia arrivato secondo. Tra le ragazze, le due stagiste iscritte alla gara sono arrivate rispettivamente prima e terza. Grandi atleti, questi stagisti :-)

 

Altrettanto interessante, 3 dei 4 stagisti che hanno chiuso in cima alla classifica vengono dalla stessa universita': UC Berkeley, ovvero la MIA universita'.

 

I romani dicevano: "mens sana in corpore sano". Io dico: Go Bears!

 

Un ultimo commento: mi ero quasi scordato della gara, ma mi e' appena arrivata un'email in cui mi si invita ad andare a ritirare un premio...

 

Che cosa avro' vinto?

1 commento

Post popolari in questo blog

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci

Il lato positivo e il lato preoccupante