Per oggi va bene cosi, ma domani le metto sull'armadio

Mi dicono che si possono fare foto nel campus. Cio' che e' vietato, sono le foto dentro gli uffici. Ne consegue che, appena mi ricordero' di uscire dalla stanza con la macchina fotografica, mettero' su facebook foto di palmeti, bambu', fiori e cespugli. Nelle foto probabilmente ci saranno anche le decine di giardinieri che potano, spazzano, puliscono e tagliano senza sosta.

In questi giorni, mentre mi rilasso dopo un anno intessissimo e recupero il fusorario, cerco di prendere le misure con il ragazzo che tiene in ordine le stanze del mio piano. Ha uno stile interessante e sto cercando di inquadrarlo.

Non che io sia mai stato nell'esercito, ma racconti, letture e cinematografia mi fanno venire in mente il rapporto che si instaura tra un sottufficiale di esperienza e il tenente appena uscito dall'accademia.

Ovviamente non so come funzionano le cose qui ma nel contesto sono la persona che viene salutata per prima con un sorridente "Good morning, sir". Pero', senza alcun dubbio, e' lui ad avere il controllo dei miei spazi qui in albergo.

Per esempio, ho provato a lasciare le mie scarpe sotto la televisione perche' mi tornava piu' comodo. Ma lui me le ha messe tutte nel ripiano basso di uno degli armadi. Punto.

Quando mi incrocia nel corridoio al mattino presto, mi chiede se ho gia' fatto colazione o se sto andando in ufficio. Sarebbe ingenuo credere che il suo interesse sia genuino. Credo che tutto quello che vuole sapere e' se staro' via abbastanza da consentirgli di fare il suo mestiere nella mia stanza.

Ieri mi ha fatto morire dal ridere. Ha bussato proprio mentre mi stavo preparando per andare a pranzo. Ha ispezionato la stanza e ha chiesto chiarimenti in merito alle valigie che avevo lasciato per terra, chiuse, accanto al letto. Gli ho spiegato che volevo tenerle li, perche' avevo lasciato delle cose che mi servivano.

Con gentile fermezza ha ribattuto: "per oggi va bene cosi', ma domani le metto sull'armadio". Punto.

Quindi questa mattina, obbediente alle direttive, ho svuotato le valigie e me le sono messe sull'armadio prima che lo facesse lui.

Credo che il suo supervisore ogni tanto controlli il suo lavoro. Quindi capisco la sua impazienza nel tenere tutto assolutamente in ordine e sotto controllo. Non che la cosa mi faccia piacere, ma non la posso cambiare. Gli causerei piu' problemi cercando di fare le cose a modo mio...
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Run a mile in her shoes

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci