Madoff, SEC, radio Deejay

Ieri Madoff, famoso finanziere, si e' presentato in tribunale per rispondere alle accuse di aver truffato i propri clienti per miliardi di dollari. Alla fine dell'udienza, e' stato arrestato e condotto in prigione.

La prima pagina del Wall Street Journal stamattina era: "Madoff Jailed After Admitting Epic Scam".

Il sottotitolo erano parole di Madoff rese durante la sua deposizione: "I realized that my arrest and this day would inevitably come".

Ovvero, a un certo punto qualche mese fa ha capito che il suo arresto (avvenuto a Dicembre, poi gli sono stati concessi i domiciliari fino a ieri) e il giorno del processo sarebbero inevitabilmente arrivati.

Poi come di consueto ho scaricato i podcast di "Deejay Chiama Italia" e me li sono ascoltati facendo colazione. In uno dei file, Linus e Nicola commentavano l'arresto di Madoff e confrontavano la situazione con quanto successo in Italia negli ultimi anni.

Il confronto e' lo stesso che ricordo di aver fatto tante volte con gli amici: "se evadi le tasse in America, ti aspetta la prigione federale. In Italia ti aspetta il condono fiscale", "i finanzieri che hanno fatto bancarotta in Italia vanno ai domiciliari nella loro villa o se ne vanno ai Caraibi, in America li chiudono in prigione per sempre".

Luoghi comuni? Pregiudizi? Essere un Italiano che vive dall'altra parte dell'Atlantico fa saltare all'occhio le differenze ancora di piu':
  1. Certezza della pena: Madoff stesso dichiara di aver capito ad un certo punto che non l'avrebbe scampata. E non l'ha scapata. E, anche se la sentenza definitiva arrivera' solo a Giugno, ho la sensazione che non la scampera'. Se fosse successo in Italia, chissa'?

  2. Affrontare il futuro: Madoff ha potuto fare quello che ha fatto anche perche' sfruttato dei buchi nella rete di controlli. Questo articolo spiega come la SEC (l'organismo di controllo appunto) stia cambiando le regole per evitare che succeda qualcosa di simile in futuro. Lo stanno facendo e il Senato si assicura che facciano in fretta. Se fosse successo in Italia? 10 proclami, 100 annunci, 1000 distinguo. Alla fine, non sarebbe cambiato nulla.

Sicuramente per tante altre cose l'Italia non merita critiche. Ma ci sono temi in cui abbiamo tanto da imparare e da migliorare per stare al passo con il resto del mondo. Credo sia giusto osservare in cosa gli altri sono meglio e registrare queste differenze.

E magari un giorno prendere in mano la lista, capire quali sono le voci piu' deleterie, e provare a eliminarle. Un giorno aiutero' in questo processo? In fondo al cuore, lo spero.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paure sui mercati

Linus che dice arrivederci

Il lato positivo e il lato preoccupante